This is Photoshop's version of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci. Proin gravida nibh vel veliau ctor aliquenean.

FOLLOW ME ON INSTAGRAM

+01145928421
mymail@gmail.com

Inditex ha aperto a Como il primo negozio italiano for&from, un punto vendita che sarà gestito direttamente da dieci ragazzi con disabilità con il supporto di due responsabili. L’iniziativa, che ha già avuto successo in Spagna che conta 14 punti vendita simili, è stata possibile grazie alla collaborazione con Cometa, un associazione senza scopo di lucro fondata da Erasmo Figini, impegnata nell’offrire possibilità di lavoro anche alle persone disabili e nella formazione dei ragazzi. Nel negozio saranno venduti gli accessori del gruppo, che annovera cui brand come Zara, Stradivarius, Bershka, Pull&Bear, delle stagioni precedenti a un prezzo scontato. «Per noi è un giorno speciale, è davvero un vanto che la filiale italiana abbia potuto aprire il primo punto vendita con queste caratteristiche. Noi abbiamo il compito di creare le condizioni adatte a questi giovani per lavorare al meglio e generare

Lidl Italia compie un ulteriore passo avanti per la diminuzione degli sprechi alimentari. L’azienda ha scelto di dare maggiore visibilità agli articoli in offerta prossimi alla scadenza con l’app Myfoody. Myfoody è l’applicazione che innova il rapporto tra punto vendita e consumatore finale permettendo di dare evidenza agli articoli scontati del 30% vicini alla scadenza in vendita nei supermercati Lidl e di incentivarne l’acquisto e il consumo. La partnership coinvolge attualmente 55 store Lidl nelle aree di Milano, Torino e Bologna. Alessia Bonifazi, Resp. Comunicazione di Lidl Italia ha commentato: “Lidl e MyFoody hanno dato vita a una collaborazione virtuosa dimostrando il rispetto per una risorsa preziosa per il futuro del nostro pianeta: il cibo” Francesco Giberti, CEO & Founder di Myfoody, ha aggiunto: “Myfoody nasce con la volontà di promuovere uno stile di vita sostenibile e una spesa senza

 È una vera sfida per L’Oréal. Il gruppo francese di cosmetica e di prodotti di bellezza sta lavorando per rendere ricaricabili, riciclabili, riempibili e compostabili all’alba del 2025 tutti i contenitori dei propri prodotti, in linea con i principi della sostenibilità, secondo quanto ha riportato Le Figaro. Dunque, il colosso mondiale è pronto a rimpiazzare i tubi di plastica con quelli di cartone. E ha già fatto un primo passo: alcune creme per la cura della pelle saranno presto vendute in tubi di cartone. Il cartone è un materiale biodegradabile e dunque responsabile, diversamente dalla plastica che viene impiegata nella grande maggioranza dei contenitori di creme e altri cosmetici. Il beneficio ambientale sarà valutato con delle analisi multi-criteri relative al ciclo di vita, ha precisato il gigante della cosmetica che ha in programma di lanciare la fabbricazione di questa nuova